Mobilità: nuovo incontro tra Comune e Associazioni (ma con scarsi risultati)

Mobilità: nuovo incontro tra Comune e Associazioni (ma con scarsi risultati)

Nei giorni scorsi, a Palazzo Civico, si è svolto un nuovo incontro tra Città di Torino e associazioni a tutela delle persone disabili sull’annosa e purtroppo tuttora irrisolta questione del servizio di trasporto sostitutivo. Per la nostra sezione UICI hanno partecipato il presidente Giovanni Laiolo ed il consigliere delegato Giuseppe Salatino. La Città è stata rappresentata dagli assessori Maria Lapietra (mobilità) e Sonia Schellino (politiche sociali).

Durante la riunione sono state presentate alcune proposte di modifica al regolamento comunale che disciplina il servizio, messe a punto da un apposito gruppo di lavoro di cui, lo ricordiamo, ha fatto parte anche UICI Torino. Le proposte riguardavano una serie di migliorie a vantaggio dei disabili. Prevedevano, tra l’altro, una gestione più inclusiva delle fasce di reddito ISEE che regolano l’accesso al servizio e prospettavano l’estensione del trasporto sostitutivo anche a categorie finora escluse e fortemente svantaggiate (è il caso di alcune persone con gravi disabilità psichiche o non autosufficienti).

Le proposte di modifica sono state nettamente respinte dall’amministrazione comunale, che si è giustificata invocando la scarsità di risorse economiche a disposizione, il che non renderebbe possibile in alcun modo immaginare un ampliamento o una rimodulazione del servizio.

La delegazione UICI ha richiamato l’attenzione, tra l’altro, sulle lunghissime liste d’attesa, tuttora bloccate. “Sarebbe quanto meno opportuno un controllo – ha detto, in particolare, il consigliere Salatino – per verificare che chi usufruisce del servizio ne abbia effettivamente diritto. In caso di incongruenze, quei posti andrebbero assegnati a persone che hanno tutti i requisiti necessari ma che al momento sono in lista d’attesa”.

Nonostante la situazione difficile e le prospettive tutt’altro che rosee, la nostra associazione è determinata a proseguire nel confronto con la Città, perché i diritti delle persone disabili siano tenuti nella giusta considerazione. Gli incontri sulla mobilità accessibile riprenderanno nel mese di settembre. 

Vai al contenuto