Dita leggono un testo in braille

Quei puntini in rilievo che hanno cambiato la storia. Riflessioni per la Giornata Nazionale del Braille

La Giornata Nazionale del Braille, che si celebra ogni anno il 21 febbraio, è l’occasione per ricordare, ancora una volta, l’importanza e l’attualità di un codice che da sempre è sinonimo di inclusione. Quando, nel diciannovesimo secolo, la genialità di Louis Braille diede vita al sistema di lettura e scrittura a sei punti in rilievo, […]

Approfondisci
Università di Torino, convegno codice Braille. Aula vista dall'alto

Braille: due secoli di storia e un grande futuro

Ha quasi duecento anni, ma è ancora giovane. E a chi lo vorrebbe mandare in soffitta risponde mostrando una vitalità straordinaria, che gli permette di dialogare con le nuove tecnologie e di adattarsi a quasi tutti i linguaggi umani (matematica e musica comprese). Parliamo del codice braille. Per far conoscere il valore e l’importanza di questo sistema (che ai non “addetti ai lavori” può apparire un po’ misterioso) l’UICI e il Club Italiano del Braille, in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino, hanno organizzato il convegno “Braille: sei punti per una chiave d’accesso al sapere”, che si è svolto venerdì 1 marzo a Torino presso Palazzo Nuovo (sede delle facoltà umanistiche).

Approfondisci
Vai al contenuto